Pasqua in Abruzzo

Quest’anno la Pasqua ha un sapore strano, ma non diverso.

I credenti hanno la speranza che questo evento rappresenti proprio la fine delle tenebre e la vittoria della luce e della vita sulla morte.

In questa speranza si uniscono gli uomini di ogni fede e gli atei….

Per la nostra regione, questa festa è da sempre un riferimento, un periodo da vivere intensamente che raggiunge il culmine con il “lunedì di Pasqua”, da festeggiare all’aperto con gli amici, in attesa che la normalità (termine sempre denigrato, che mai come in questo periodo ci manca) torni.

Pubblichiamo una poesia abruzzese di un grande abruzzese: Enzo Malvestuto.

Buona Pasqua 2020 da Abruzzo Variopinto.

 

 

È PASQUE

’Na mamme a la furnacelle,
’che ’na mantére ’nnanze,
quattr’ove a la fressurelle,
prepare la pietanze.
Sopre lu tauline
du’ salame, ’na pagnotte,
’na vrocche de vine
e ’na ’uantiére de bescuótte.
’Mpiazze ’na mùcchie de gente
’che i vestite gnuóve.
I huajjune vanne cuntiente
a la giostre che se rennove.
I rentuócche de lu campanone,
i picciune che svulàzzene,
annùncene la resurrezione e…
j’uòmene pe’ la vie s’ammazzene.


Enzo Malvestuto

DML 11 Aprile 2020

I commenti sono chiusi.